Azienda Vinicola Isole Eolie

Eccellenza nella naturalità e nella tradizione

Il progetto della nostra azienda vinicola nasce dal sogno e dalla voglia di rivalutare un territorio unico, l’identità di un paesaggio che il tempo ha preservato con estrema cura. L’azienda vitivinicola Tenuta di Castellaro nasce con questo unico desiderio: dalla volontà di recuperare terreni vulcanici incolti da centinaia di anni.

Ispirati dalla bellezza del territorio, abbiamo deciso di rilanciare la viticoltura proprio in quelle terre in cui anticamente era praticata, affidandoci all’enologo Salvo Foti e ai Vigneri dell’Etna per reintrodurre una viticoltura autentica. Riavviare la produzione è stato un lavoro complesso, condotto a partire da un’accurata analisi microterritoriale e dalla selezione massale e clonale delle viti autoctone effettuata sulle sette isole dell’arcipelago.

Non solo la scelta del terreno e il recupero dei vitigni autoctoni partono da questa premessa, ma anche la particolare lavorazione con cui coltiviamo e lavoriamo le nostre vigne. Il sistema di allevamento prescelto è una pratica complessa, perché non meccanizzabile e gli interventi agronomici sono quasi interamente manuali. Il processo di vinificazione parte dall’eccellenza agronomica: l’intero processo avviene per caduta, senza l’ausilio di pompe nei diversi travasi, con l’intento di modificare il meno possibile il prodotto offerto dalla pianta.

Anche le nostre costruzioni rivendicano il rispetto assoluto del territorio e della tradizione locale. La cantina bioenergetica, completamente interrata e realizzata in architettura vernacolare è un tributo alla tecnologia al servizio della naturalità: alimentata da una torre del vento, sfrutta la presenza dei venti dominanti per rinfrescare gli ambienti in modo naturale.

Tutt’attorno vive il nostro progetto di recupero del verde, con la volontà di immergere la nostra azienda vinicola tra le vere piante autoctone di un tempo, come graminacee e canne egizie.

Il sogno di Tenuta di Castellaro ci regala ogni giorno la possibilità di dare il nostro contributo alla salvaguardia di vaste aree agricole e naturali, nella convinzione che da questa ricchezza derivino le straordinarie proprietà organolettiche e qualitative dei nostri vini.